Un Destino Reale

Albert Frederick Arthur George di Sassonia-Coburgo-Gotha-Windsor nasce a Sandringham nel 1895 durante il regno della Regina Vittoria. Suo padre è il principe Giorgio, Duca di York, mentre la madre era Mary di Teck, già principessa reale (grazie alla madre Maria Adelaide, Duchessa di Cambridge).

Poche righe e già si leggono alcuni termini “nobiliari” come principessa reale, Duca di York e Duchessa di Cambridge. Si potrebbe aprire un mondo a riguardo e lo farò in un secondo momento. Per ora, seppur può apparire scontato, quando leggiamo principessa reale vuol dire che quella persona è anche un membro della famiglia reale britannica, ciò vuol dire che è un parente stretto del regnante; può essere un figlio, un cugino o un nipote del Re o della Regina di turno. Per chi legge un po’ di biografie noterà poi che vi sono alcuni titoli nobiliari come ad esempio i sopraccitati Duca di York e Duchessa di Cambridge che si ripetono nel tempo. Quando nasce un figlio/a di un/a regnante questo è sempre un principe/essa e riceve il trattamento di Altezza Reale. Quando il figlio di un regnante si sposa riceverà un titolo personale ed userà quello. Per farla breve ed avere un riscontro pratico nella realtà il famoso William, figlio di Carlo e Diana, alla nascita era Principe del Galles, poiché Carlo aveva questo titolo; quando poi si è sposato con Kate, la Regina Elisabetta gli ha dato un titolo personale, ed oggi, infatti, è William, Duca di Cambridge! Andrea, l’altro figlio della Regina, quando si sposò, ricevette il titolo di Duca di York…
Mi sono dilungato troppo…e non so se ne valeva la pena!

Ritornando ad Albert, fu un bimbo che crebbe lontano dai genitori, cosa normale per uno del suo rango, soffriva di balbuzie e fu costretto a scrivere con la destra seppur mancino. Alla morte della bisnonna, la Regina Vittoria, divenne Re Edoardo VII, suo nonno, mentre il padre di Albert divenne Principe di Galles. Alla morte del nonno divenne quindi Re suo padre col nome di Giorgio V ed il fratello Edoardo in quanto primogenito del Re assunse il titolo di Principe di Galles mentre Albert quello di Duca di York. Nel frattempo Albert era entrato nella marina militare ed aveva preso parte alla prima guerra mondiale; in seguito divenne ufficiale della neonata RAF, la Royal Air Force.
Nel 1923 si sposa con Elizabeth Bowes-Lyon, nobile londinese che però fu restia nel dire sì perché non si sentiva pronta al titolo di Duchessa e soprattutto credeva di “non poter essere libera di pensare, parlare e agire” come voleva. La coppia avrà due figlie: Elizabeth Alexandra Mary e Margaret Rose.
Nel 1936 muore Re Giorgio V e gli succede Edoardo, il primogenito, che sceglie il nome di Edoardo VIII. Edoardo fu in carica per quasi tutto il 1936 fino a quando decise di lasciare il trono poiché il governo gli proibì di sposare Wallis Simpson, ricca ereditiera americana con un divorzio alle spalle ed uno in corso di svolgimento. Il Re, ufficialmente mai incoronato, decise così di abdicare a favore del fratello Alberto. Edoardo viene poi allontanato dall’Europa perché di simpatie naziste, e di lui, nel Regno Unito resteranno così poche tracce che nemmeno il famoso tè “Prince of Wales”, dedicatogli dalla Twinings, è acquistabile nel Regno!

Alberto, da bimbo timido e balbuziente, divenne così Re col nome di Giorgio VI (è lui il protagonista de “Il discorso del Re”) mentre la moglie Elizabeth, reticente al titolo di Duchessa, diventerà Regina Consorte e passerà alla storia come la Regina Madre. Sì, perché esattamente 65 anni fa salì al trono la loro figlia: la Regina Elisabetta!
Pietro Alongi

In foto: i genitori della Regina Elisabetta II, ossia Re Giorgio VI e la Regina Madre

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 3 Ottobre 2017

    […] Se vuoi leggere un articolo sui genitori della Regina Elisabetta: Un destino reale […]

  2. 30 Marzo 2018

    […] Se vuoi leggere qualche altro racconto: Lillo Zucchetto: da Sutera agli agrumeti di Ciaculli e Un destino reale […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *